Legge europea e riutilizzo dei dati per finalità di ricerca o per scopi statistici. Modifiche al Codice privacy

Con l’art. 29 della L. 167/2017 (Legge europea 2017) il Parlamento italiano ha provveduto a disciplinare il riutilizzo dei dati per finalità di ricerca scientifica o per scopi statistici, subordinato ad autorizzazione del Garante previa applicazione di misure di sicurezza volta alla minimizzazione o all’anonimizzazione dei dati, introducendo, nel Codice in materia di protezione dei dati personali, l’art. 100 bis, del seguente tenore: Continue reading “Legge europea e riutilizzo dei dati per finalità di ricerca o per scopi statistici. Modifiche al Codice privacy”

Legge europea e stanziamento economico di Euro 1.400.000 per il Garante. Incremento dell’organico di 25 unità

Con l’art. 29 della Legge n. 167/2017 (c.d. “Legge Europea 2017”, contenente disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’UE), si è provveduto allo stanziamento di Euro 1.400.000 in favore del Garante, in vista degli accresciuti impegni a tale Autorità di controllo, anche in vista dell’imminente applicazione del GPDR (Reg. UE 679/2016).

Tale articolo prevede, in particolare, che lo stanziamento vada a coprire i costi di funzionamento dell’Autorità per assicurare il regolare esercizio dei poteri di controllo affidati al Garante e per far fronte agli accresciuti compiti derivanti dalla partecipazione dalle attività di cooperazione tra Autorità dell’UE.

La norma prevede l’incremento di 25 unità del ruolo organico del Garante.

Continue reading “Legge europea e stanziamento economico di Euro 1.400.000 per il Garante. Incremento dell’organico di 25 unità”

Uber e Data Breach. Indagine del Garante

Con un proprio comunicato Uber ha reso noto  ora che nel 2016 vi sarebbe stato un caso di data breach di particolare rilevanza, a seguito di un attacco hacker su circa 57 milioni di account, che, come riassunto in un articolo del Corriere,  ha visto

“trafugate le informazioni della patente di 600 mila americani e nomi, indirizzi di posta elettronica e numeri di telefono di oltre 50 milioni di iscritti all’applicazione di trasporti (50 milioni sono clienti e 7 milioni sono autisti). Non sarebbero stati coinvolti i dati delle carte di credito o quelli relativi agli spostamenti”.

Inoltre, Uber

“ha pagato gli hacker 100 mila dollari per distruggere quanto rubato e promettere di non usarlo in futuro”

Continue reading “Uber e Data Breach. Indagine del Garante”

Raccolta randomica di foto da webcam negli eventi formativi in streaming

Il Garante si è pronunciato in occasione di una richiesta di verifica preliminare relativa ad un sistema di riconoscimento via webcam dei partecipanti a eventi formativi gestiti in diretta streaming, validi ai fini del riconoscimento dei crediti per l’aggiornamento professionale nell’ambito della formazione continua degli avvocati. Continue reading “Raccolta randomica di foto da webcam negli eventi formativi in streaming”